Blog

NAD Radio e le altre novità del 2020

Sapere, saper fare, farlo sapere. Questo è uno dei significati più profondi del primo episodio di NAD Radio (clicca qui per ascoltarlo), che esordisce nel panorama dei podcast in Italia con l’intervista a Nicola Pighi, fondatore e presidente di NAD.

La comunicazione, oggi, ha un valore fondamentale per chiunque voglia diffondere le proprie idee.

E la tendenza è quella di arrivare alla propria audience nel modo più efficace possibile, ovvero letteralmente con la propria voce.

Da sempre NAD ha dimostrato di essere un passo avanti, nella formazione e nelle scelte compiute.

Essere la prima accademia italiana ad avere il proprio podcast, interamente dedicato al Design e creato dai suoi professionisti e docenti, ha qualcosa di pionieristico, ma non poteva che spettare a noi.

I contenuti audio di valore, le interviste, i webinar, gli approfondimenti, sono la forma di comunicazione più attuale per aumentare la brand awareness e creare una relazione di fiducia con i propri ascoltatori.

Oggi abbiamo mosso il primo passo, ma qual è il futuro di NAD Radio da qui ai prossimi 3 anni?

Questa è solo una delle domande a cui Nicola Pighi ha risposto, parlando dell’aspirazione ad espanderlo fino a farlo diventare il podcast per i docenti, per gli studenti e per la aziende partner.

Una voce libera ed innovativa, che sia da esempio per altre università e accademie in Italia.

In NAD, infatti, sosteniamo fermamente l’importanza della condivisione, ma questo non è l’unico principio che le nostre scelte, passate e presenti, riflettono.

Contemporaneità, sostenibilità, problem solving, trasparenza, concretezza sono valori in cui crediamo e che trasmettiamo ai nostri studenti.

D’altra parte, se allarghiamo la nostra visione, è evidente quanto il mercato del lavoro sia molto cambiato, nell’ultimo decennio.

Ed è anche per questo che le cosiddette hard skills non bastano più.

Sia per i giovani che per chi deve invece reinventarsi professionalmente, dopo anni di lavoro alle spalle in un altro ambito, le soft skills fondamentali, secondo Nicola Pighi, sono due: la determinazione a perseguire i propri sogni e la capacità di comunicare le proprie competenze.

Sogno e comunicazione sono temi ricorrenti in questa intervista, forse proprio perché ilPresidente di NAD è lui stesso un “concreto sognatore”.

E lo dimostra il fatto che il 2020 sarà un anno di grandissime novità e di crescita.

Quello che ci aspetta sono la nascita di Business Hdemy – che andrà ad affiancarsi all’Architectural Design School, alla Visual Design School e alla Fashion Design School -, l’Hdemy Lab e l’incubatore di Startup.

Il legame tra formazione e impresa sarà quindi ancora più rafforzato, con l’obiettivo di accompagnare i giovani, e non solo, nella creazione effettiva dei loro progetti.

Ma le novità non si fermano qua: nella nostra sede di Verona avremo 600 mtq in più, che si aggiungono ai 1000 già esistenti, a disposizione per eventi, esposizioni e laboratori.

E poi si comincia già a parlare di un Hdemy Bistrò e di molto, molto altro…

Perché, come dice Nicola Pighi, sognare è fantastico, ma realizzare i propri sogni lo è ancora di più.

E se vuoi conoscerci più da vicino, ti aspettiamo al prossimo open day!