Il BIOPHILIC DESIGN

quando natura e architettura per il nostro benessere

Il Biophilic design è una corrente innovativa che mette il rapporto tra uomo e natura al centro delle sue pratiche di progettazione.

Questo stile nasce dal termine “biofilia”, ovvero l’amore per la vita e per ogni organismo vivente. 

L’ espressione è stata coniata dallo psicologo tedesco Erich Fromm, che era alla ricerca di un modo per definire l’orientamento psicologico delle persone attratte da tutto ciò che può essere definito come “vivo”.

L’impatto positivo della natura nel Biophilic design

Nel corso degli anni, le ricerche hanno confermato come la connessione tra architettura e natura abbia grandi benefici sulla qualità della vita.

Alcune di queste riportano che:

  • entrare a contatto con elementi naturali aiuta a sentirsi “ricaricati” (Ryan et al., 2010);
  • la natura consente di incrementare la creatività e la capacità di problem solving (Atchley et al. 2012);
  • l’impatto naturale riduce lo stress (Morita et. Al, 2006) e funge da fattore protettivo rispetto a eventi stressanti (Van de Berg, 2010);
  • la natura favorisce la capacità di memorizzare (Berman, Jonides & Kaplan, 2008);
  • promuove benessere personale, felicità e tendenza prosociale (Passmore & Holder, 2017);
  • vivere in un ambiente naturale migliora la qualità del sonno (Johnson et al., 2018) (Grigsby-Toussaint et al., 2015);
  • il contatto con la natura riduce gli stati ansiosi, depressivi e la ruminazione mentale (Bratman et al., 2015), (Collingwood, 2018);
  • la natura promuove la salute cardiovascolare (Lee et al., 2013) e riduce il rischio di ipertensione (Shanahan et al., 2016).

Ecco perché questa tendenza sta prendendo sempre più piede con il passare del tempo, ampliando gli orizzonti sia a livello di architettura che di interior design.

Liangjiang Masterplan Innovation Zone: un esempio di integrazione tra design e ambiente

Chapman Taylor  – azienda pluripremiata di architetti con sede in Europa, Asia e Medio Oriente ha vinto un importante concorso internazionale di design per creare la zona di innovazione urbana di Liangjiang, scelta dal governo cinese come “Nuova Area” per lo sviluppo della città di Chongqing.

Il progetto si basa sull’integrazione del bellissimo ambiente naturale con le nuove strutture tecnologiche: verrà creato un modello spaziale basato sul paesaggio naturale, la storia, la cultura e le strutture locali.

Su un sito di 680 ettari sorgerà un parco che coprirà un’area di circa 67 ettari, quattro parchi dislocati che copriranno un’area di circa 13 ettari e più di 10 spazi verdi con un tasso di copertura alberata superiore al 50%.

Infine, la valle formata dalle colline a est e ovest del sito diventerà il lago Mingyue.

Questo imponente progetto andrà ad aggiungersi agli altri esempi positivi di integrazione tra architettura, interior design e natura. Per un futuro che non può ignorare la necessità di un equilibrio sempre più forte tra ambiente e intervento dell’uomo.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
L'arredamento si fa verde Nad school ADS Nuova Accademia del Design Verona
L’arredamento si fa verde