SONY WORLD PHOTOGRAPHY AWARDS 2021

Ha vinto lo storytelling in bianco e nero

Il 15 aprile la World Photography Organisation ha presentato i vincitori della 14esima edizione dei Sony World Photography Awards 2021.

Ogni anno l’evento celebra le migliori espressioni dell’arte fotografica. Questo garantisce un’enorme esposizione e grandi opportunità professionali ai fotografi di tutto il mondo.

Per Sony promuovere gli Awards è un modo per coltivare costantemente la cultura fotografica. 

L’iscrizione è totalmente gratuita e sono i massimi esponenti del settore a giudicare i partecipanti. 

Sony World Photography Awards 2021

Sony World Photography Awards 2021: le nuove categorie 

L’edizione di quest’anno ha introdotto nuove categorie. Le novità riguardano i concorsi Professional, Youth e Open, e un tema rinnovato per il concorso Student. 

Per il concorso Professional la nuova categoria è stata chiamata Portfolio ha richiesto ai fotografi di presentare una decina di scatti totalmente scollegati tra loro. Questo ha fatto emergere in modo chiaro e coerente le qualità e le competenze tecniche degli autori. 

L’espansione della categoria Architecture invece ha visto l’introduzione del tema Design, per offrire ai fotografi la possibilità di raffigurare paesaggi interni ed esterni, nonché spazi aperti, assecondando un approccio architettonico. 

Mentre il concorso Open si è ampliato con le due categorie Lifestyle e Oggetti.  Anche gli scatti commerciali e pubblicitari sono stati ammessi, tenendo conto dell’intento artistico del fotografo.

Ogni novità ha avuto il fine di coinvolgere un numero sempre maggiore di fotografi contemporanei.

Il vincitore dell’edizione 2021 

La serie Bank Top ha permesso allo stimato documentarista Craig Easton di aggiudicarsi il titolo di Photographer of the Year. 

Bank Top nasce da una collaborazione con lo scrittore e studioso Abdul Aziz Hafiz.

L’opera ha voluto mettere in luce “la rappresentazione semplicistica di Blackburn e l’uso insensibile della parola ‘segregazione’ da parte dei politici e dei media quando cercano di spiegare le sfide affrontate da tali quartieri e città”, afferma Hafiz. 

Il fotografo e lo scrittore hanno lavorato per un anno a stretto contatto con gli abitanti.

Questo lungo lavoro ha permesso di elaborare storie ed esperienze locali attraverso una serie di ritratti in bianco e nero.

Dalla loro analisi sono emerse problematiche di privazione sociale, alloggio, disoccupazione, immigrazione e rappresentanza, così come l’impatto delle politiche estere passate e presenti.

A seguito del riconoscimento ricevuto, Easton ha dichiarato: “Sono fiero che la mia opera sia stata apprezzata dai Sony World Photography Awards. Fotografo per imparare, per provare a capire, per documentare e condividere delle storie”.

bank top craig easton

Il vincitore continua: “È un privilegio poterlo fare mettendo in discussione percezioni e stereotipi, un tema che ritengo essere particolarmente importante. È fantastico che le storie delle comunità ignorate (…) possano essere riconosciute e condivise a livello globale.”

Il premio vinto è stato di 25.000 dollari e un set di attrezzature fotografiche digitali Sony. 

Sono poi stati resi noti anche nomi dei vincitori delle dieci categorie Professional e dei concorsi Open, Student e Youth.

Anche l’Italia è salita sul podio

Simone Tramonte e Vito Fusco sono i due ragazzi italiani arrivati sul podio in questa 14esima edizione. Hanno vinto rispettivamente il primo premio della categoria Professional Ambiente e il secondo premio della categoria Professional Documentaristica.

Le 150 opere migliori dei Sony World Photography Awards 2021 si possono ora vedere sul sito della World Photography Organisation, che ha allestito una mostra virtuale.

Sony World Photography Awards 2021

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Grande partecipazione al workshop di Castrignano Nad Nuova Accademia del Design Verona Milano
Con Biennale siamo alla Mostra Internazionale di Architettura